19 giugno, 2021 - Nessun Commento

QUANDO BONIPERTI MI MANDO’ QUESTA FOTO

bonipertiConservo questa fotografia dal 1948, quando mia Madre me la procurò attraverso un medico di Jesolo che lei conosceva e che aveva qualche rapporto con la Juve. Accompagnò la fotografia con una maglietta da calcio che aveva fatto lei stessa con i ferri e la lana, divisa in due colori verticali: il bianco e il nero. Io ero stato “convertito” a seguire la Juventus proprio quell’anno, da un amico della provincia napoletana che si chiamava Giorgio Martinelli e del quale non so più nulla da allora.

Sulla fotografia c’era una dedica scritta in bella grafia e con una penna stilografica (le biro ancora non esistevano), Diceva “Al piccolo Pier Giacomo Sottoriva con simpatia, Giampiero Boniperti”. Oggi, purtroppo, è pressoché illeggibile, sebbene abbia tentato in questi 70 anni trascorsi di conservarla con molto amore. Per me la Juve è stata per tanti anni Boniperti, detto Marisa per quei suoi capelli biondi e ondulati. Non lo guardavo in televisione, non esistevano le riprese.

Mettevo sulla scheda della Sisal, due colonne che giocavo ogni settimana, il segno della vittoria sul pronostico della Juve. Ma a
quei tempi la Juve era soprattutto una squadra che si ispirava alla gioventù, che era nata da pochi decenni, e che suscitava tanta
simpatia in un pubblico che già da quel tempo si spandeva tra l’Italia Piemontese o Milanese e quella Napoletana e Siciliana. Io ero uno di quei tifosi. E oggi ricordo Giampiero Boniperti morto a 92 (quasi 93) anni con un affetto mai venuto meno. Quella fotografia me lo rendeva parente, più che amico. Mi ha seguito dappertutto, l’ho sempre portata dovunque sia andato ad abitare e l’ho sempre puntualmente ritrovata.

Ora la mostro su questo blog con tristezza per la morte di Boniperti, ma con il piacere di mostrare questo trofeo ormai davvero storico.

Forza Juve!

Hai qualcosa da dire? Lascia un tuo commento!


due + otto =